L.R. 7/91 e DPGR 191/91 rimborso spese agli ex emigrati

 

 

 

si invitano pertanto le persone in possesso dei requisiti previsti dall'art. 20 della L.R. 7/91:

"... i Comuni sono autorizzati a corrispondere il rimborso delle spese di viaggio al lavoratore emigrato, ed alle eventuali persone a suo carico, che rientri in Sardegna dopo almeno un biennio di lavoro fuori dall'isola, per occupare un posto di lavoro di dipendente od autonomo, o perché pensionato per invalidità o vecchiaia, o per comprovata infermità sua o di un componente del proprio nucleo familiare, o per morte di uno dei due coniugi, o perché il proprio coniuge, convivente in emigrazione, rientra trovandosi in una della precedenti condizioni.
2. Il limite temporale minimo del biennio di permanenza all'estero o nell'Italia continentale non è richiesta per coloro che rientrino perché licenziati per motivi non disciplinari. In tal caso la permanenza all'estero o nell'Italia continentale non deve comunque essere stata inferiore a sei mesi.
3. I rimborsi e le indennità di cui al presente articolo sono erogati dai Comuni a titolo di anticipazione e non competono ai dipendenti di enti pubblici trasferiti in continuità del rapporto professionale."

a far pervenire l'istanza all l'Ufficio Protocollo di Via P. Leo 57 o tramite posta elettronica certificata all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 1 luglio 2019 ore 12:00 , la domanda dovrà essere redatta secondo la modulistica disponibilie presso l'ufficio di servizio sociale o scaricabile dal sito istituzionale www.comunediarbus.gov.it

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookie per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni. Continuando la navigazione, accetti il loro utilizzo.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Per modificare la tua decisione premi il pulsante.

Hai accettato l'utilizzo dei cookie. La decisione può essere modificata premendo il pulsante.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin