EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) MISURE ORGANIZZATIVE PER L'ACCESSO ALLE STRUTTURE COMUNALI CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (ECOCENTRO) – PROROGA

 

 

In allegato il Decreto del Sindaco n. 14 del 06/04/2020 – EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) MISURE ORGANIZZATIVE PER L'ACCESSO ALLE STRUTTURE COMUNALI CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (ECOCENTRO) – PROROGA

Allegati:
Scarica questo file (decreto14_2020.pdf)decreto14_2020.pdf

MISURE URGENTI DI SOLIDARIETA’ ALIMENTARE

 

 

L'Amministrazione Comunale rende noto che sono aperti i termini per la presentazione delle domande per la distribuzione dei voucher e la fornitura di generi alimentari e beni prima necessità,in esecuzione dell'Ordinanza n. 658 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, adottata in favore dei nuclei familiari che hanno subito danni economici derivanti dall'emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e che si trovano in stato di bisogno.

PRESENTAZIONE DOMANDE
La domanda redatta su apposito modulo potrà essere presentata dalle ore 10.30 del giorno venerdì 03 aprile 2020 all'indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., solo se impossibilitati alla trasmissione telematica, consegnata mediante l'inserimento presso la cassetta postale situata all'ingresso del Comune di Arbus, via P.Leo 57. Non verranno prese in considerazione le istanze pervenute prima del termine di ricezione indicato.

Il modulo di domanda/dichiarazione sostitutiva, è disponibile nel sito istituzionale all'indirizzo www.comunediarbus.gov.it.

Albo delle attività commerciali per buoni spesa Covid-19

 

In allegato l'avviso rivolto alle attività commerciali che chiedono l'iscrizione all'Albo Comunale dei soggetti autorizzati ad accettare voucher alimentari e di beni di prima necessità di cui all'Ordinanza del Capo della Protezione Civile n. 658 del 28 marzo 2020
La domanda, compilata su apposito modello,(allegato 1) dovrà essere trasmessa quanto prima alla pec del Comune di Arbus Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. corredata dal documento di identità del legale rappresentante e dal modello 3 relativo alla dichiarazione di cui all'art. 3 delD.lgs 136/2010.

Emergenza Coronavirus, cambia di nuovo il modulo di autocertificazione.

 

A tre giorni dall'ultimo modulo, cambia di nuovo il modello di autocertificazione per poter circolare. Al Viminale è stato aggiornato l'ultimo schema definito nei giorni scorsi per aggiornarlo con le ultime normative.

  •  Il nuovo modulo di autocertificazione cita, com'era naturale, il decreto legge n. 19 del 25 marzo 2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Nel documento, da compilare, firmare e consegnare in caso di controllo, la prima dichiarazione da sottoscrivere è di non essere sottoposti alla misura della quarantena nè di essere risultati positivi al coronavirus.
  •  Nel secondo punto del modulo si afferma di «essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti alla data odierna e adottate ai sensi degi articoli 1 e 2» del decreto legge. Tanto per esser chiari, lo stampato ricorda che le disposizioni riguardano «le limitazioni alla possibilità di spostamento delle persone fisiche all'interno di tutto il territorio nazionale».
  •  Il nuovo testo specifica quando si configura il caso di necessità: spostamenti all'interno del comune, o che rivestono carattere di quotidianità o che «siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere».
  •  Nella dichiarazione che chiude il modello si deve specificare anche la reale motivazione dello spostamento: lavoro presso ..., devo effettuare una visita medica, urgente assistenza a congiunti o a persone con disabilità, esecuzione di interventi assistenziali in favore di persone in grave stato di necessità, obbligo di affidamento di minori, denunce di reati, rientro dall'estero e altri motivi particolari.

Pubblicata l'Ordinanza n. 11 del 24/03/2020 del Presidente della Regione Sardegna su ulteriori misure straordinarie urgenti di contrasto e prevenzione della diffusione epidemiologica da COVID-2019.

 

Le disposizioni:

ART. 1) I parchi e giardini pubblici o aperti al pubblico o analoghi ambiti che si prestino all'intrattenimento di persone per attività motoria di qualsiasi natura, siti nel territorio regionale, sono chiusi e interdetti all'accesso di persone al fine di evitare assembramenti idonei a determinare la diffusione del contagio epidemiologico da CoViD-19.

ART. 2) L'uso della bicicletta, anche a pedalata assistita, o di analogo o altro mezzo di locomozione e lo spostamento a piedi, nei centri urbani e in aree extraurbane dell'intero territorio regionale, sono soggetti alle limitazioni previste per gli spostamenti dal combinato disposto dell'art. 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 e dell'art. 1, comma 1, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 concernenti lo spostamento delle persone fisiche all'interno di tutto il territorio nazionale.

ART. 3) È sospesa l'apertura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e di rifornimento carburante sull'intero territorio regionale al fine di ulteriormente contrastare le forme di assembramento di persone a tutela della salute pubblica.

ART. 4) Fatte salve le farmacie e le parafarmacie, è vietata l'apertura nella giornata di domenica di ciascuna settimana di vigenza della presente ordinanza degli esercizi commerciali di qualsiasi dimensione per la vendita di generi alimentari esentate dalla sospensione disposta con l'art. 1 del DPCM 11.3.2020, compresi gli esercizi minori interni ai centri commerciali, ferme restando le altre restrizioni relative alla vendita al dettaglio di cui all'anzidetto DPCM dell'11.3.2020.

ART. 5) È consentito ad un solo componente di ciascun nucleo familiare uscire, una sola volta al giorno, dalla propria abitazione per provvedere all'acquisto di beni necessari ed essenziali. La limitazione sul numero delle uscite non si applica all'acquisto di farmaci. Per l'espletamento delle esigenze fisiologiche degli animali d'affezione sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ed esclusivamente entro i 200 metri dalla propria abitazione principale. È consentita, altresì, limitatamente ad una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare, l'uscita per la conduzione hobbistica di poderi, orti, vigneti ed ortofrutticole in genere, finalizzati al sostentamento familiare.

ART. 6) È fatto obbligo ai Comuni, qualora non ancora disposto, di provvedere alla sanificazione degli edifici pubblici e dell'arredo urbano del proprio territorio. I Comuni che abbiano disposto la sanificazione delle strade dei propri centri abitati sono tenuti ad effettuarla in conformità al Parere reso dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS) del 18 marzo 2020, recante "Disinfezione degli ambienti esterni e utilizzo di disinfettanti (ipoclorito di sodio) su superfici stradali e pavimentazione urbana per la prevenzione della trasmissione dell'infezione da SARS-CoV-2 del 17 marzo 2020" nonché alle "Indicazioni tecniche del Consiglio del Sistema Nazionale a rete per la protezione dell'ambiente (SNPA) relativamente agli aspetti ambientali della pulizia degli ambienti esterni e dell'utilizzo di disinfettanti nel quadro dell'emergenza CoViD-19 e sue evoluzioni", approvate dal Consiglio del SNPA il 18 marzo 2020 nell'ambito dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). La sanificazione deve essere prioritariamente rivolta alle aree prospicienti ospedali, ambulatori, centri commerciali, mercati ed ipermercati, punti vendita di generi alimentari, farmacie, parafarmacie, banche ed uffici pubblici. La Regione contribuirà alle spese di esecuzione di tale servizio attingendo alle risorse di cui allo speciale fondo stanziato dall'art. 6 della legge regionale 12 marzo 2020, n. 10 ( legge di stabilità 2020 ).

ART. 7) Nei mezzi del trasporto pubblico locale, fatti salvi i casi di urgenza o forza maggiore per i traghetti di collegamento con le Isole di San Pietro, La Maddalena e L'Asinara comunque nel rispetto delle misure di distanziamento personale in vigore, è consentito l'accesso ai passeggeri nella misura massima del 40% dei posti omologati e, comunque, garantendo il rispetto della distanza minima di un metro tra gli stessi. Lo spazio riservato ai conducenti dei mezzi deve essere opportunamente delimitato per prevenire contatti con i passeggeri e rischi di contagio.

ART. 8) Negli esercizi commerciali, inclusi i tabacchini, che ai sensi delle norme nazionali e regionali possano restare legittimamente aperti al pubblico è vietato l'uso di apparecchi da intrattenimento e per il gioco.

ART. 9) E' istituita presso la Presidenza della Regione una linea telefonica dedicata ad uso esclusivo e personale dei Sindaci dell'Isola per le comunicazioni relative alla gestione dell'emergenza in corso. Il numero di telefono è notificato con separata comunicazione del Direttore Generale della Presidenza.

ART. 10) In attuazione dell'art. 1, primo comma, lett. b) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020, recante "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale", è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Conseguentemente, la previsione di assenso agli spostamenti per "il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza", nelle precedenti ordinanze contingibili e urgenti del Presidente della Regione Sardegna n. 5 del 09.03.2020 e relativa nota esplicativa n. 2593 del 13.03.2020 e n. 9 del 14.03.2020 e relativa nota esplicativa n. 3EM del 16.03.2020 è da intendersi ovunque soppressa.

ART. 11) La presente ordinanza: - ha validità sino al 3 aprile 2020, salvo proroga esplicita; - è immediatamente efficace ed è pubblicata sul sito istituzionale della Regione. La pubblicazione ha valore di notifica individuale, a tutti gli effetti di legge, nei confronti di tutti i soggetti coinvolti; - viene trasmessa secondo le rispettive competenze al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Ministro della Salute, agli amministratori delle province del territorio regionale, al Sindaco Metropolitano di Cagliari, ai Sindaci dei Comuni della Sardegna, ai Prefetti degli Uffici territoriali di governo della Sardegna, agli Assessori regionali ed agli altri soggetti interessati.

Nuovo modulo per autodichiarazione spostamento del 23/03/2020

 In allegato il nuovo modulo per autodichiarazione spostamento compilabile ai sensi del Dpcm 22/03/2020 pubblicato dal Ministero dell'Interno.

Stato di Emergenza COVID-19 - Attivazione Centro Operativo Comunale (C.O.C.) per la pianificazione di emergenza

 

 

In allegato il Decreto del Sindaco n. 13 del 23/03/2020 – Stato di Emergenza COVID-19 - Attivazione Centro Operativo Comunale (C.O.C.) per la pianificazione di emergenza

servizi alla persona : contatti telefonici e mail per il periodo di emergenza sanitaria

 

In allegato le modalità di contatto dei referenti addetti ai servizi alla persona, le suddette modalità saranno in vigore fino al termine dell' emergenza sanitaria.

Elenco attività commerciali che effettuano consegne a domicilio.

 

 

In allegato l'elenco delle attività commerciali di cui al dpcm
11 marzo 2020 che effettuano consegne a domicilio

l'elenco è in costante aggiornamento.

Decreto del Sindaco n. 11 del 17/03/2020 - EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE ORGANIZZATIVE PER L'ACCESSO ALLE STRUTTURE COMUNALI CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (ECOCENTRO)

 

In allegato il Decreto del Sindaco n. 11 del 17/03/2020 – EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE ORGANIZZATIVE PER L'ACCESSO ALLE STRUTTURE COMUNALI CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (ECOCENTRO)

Allegati:
Scarica questo file (decreto11_2020.pdf)decreto11_2020.pdf

Decreto del Sindaco n. 8 del 11/03/2020 - EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID-19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE URGENTI DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E GESTIONE PERSONALE

 

Decreto del Sindaco n. 8 del 11/03/2020 - EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID-19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE URGENTI DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E GESTIONE PERSONALE

Allegati:
Scarica questo file (decreto08_2020.pdf)decreto08_2020.pdf

Decreto del Sindaco n. 7 del 10/03/2020 - EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE integrazione

 

In allegato il Decreto del Sindaco n. 7 del 10/03/2020 – "EPIDEMIA DA CORONAVIRUS (COVID 19) D.P.C.M. 9 MARZO 2020 MISURE ORGANIZZATIVE PER L'ACCESSO ALLE STRUTTURE COMUNALI " che integra quanto già disposto con il decreto sindacale n 06 del 09/03/2020.

Allegati:
Scarica questo file (decreto07_2020.pdf)decreto07_2020.pdf

Emergenza Covid-19, indicazioni per lo spostamento dalla propria residenza

 

In allega lo schema riepilogativo ed il modello da compilare obbligatoriamente per gli spostamenti dalla propria abitazione.

Emergenza Covid-19, nuove indicazioni comunali

In riferimento all'emergenza Covid-19, si comunicano le nuove modalità di accesso ai servizi comunali . Si
chiede alla cittadinanza la massima collaborazione.

Il sindaco

Emergenza Covid-19, decreto del Sindaco di Arbus

 

 

In riferimento all'emergenza Covid-19, si allega il decreto del Sindaco Antonio Ecca e le conseguenti comunicazioni.

Si prega di voler rispettare le disposizioni indicate.

Ordinanza Regione Sardegna - Azioni di contrasto al contenimento del Covid-19

 

A seguito dell’emergenza relativa al virus Covid-19, il Presidente della Regione Sardegna, ha emesso l’ordinanza n. 4 del 08/03/2020 che impone:

  • la quarantena per tutti coloro che arrivano in porti e aeroporti della Sardegna dalle zone rosse,
  • l'obbligo di dichiarare il proprio domicilio alle autorità sanitarie,
  • l'obbligo di rendersi sempre rintracciabili per qualunque controllo.
In allegato il documento integrale

Azioni di contrasto al contenimento del Covid-19

 

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm 8 marzo 2020 recante “Ulteriori misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale”isce misure drastiche per il contrasto del contagio, ulteriori limitazioni in particolare nelle regioni più esposte.

ISOLATA LA LOMBARDIA E ALTRE 14 PROVINCE DEL NORD

Con l’articolo 1 del provvedimento, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, sono adottate molteplici misure.

Si tratta di una zona rossa allargata in cui in primis occorrerà evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori, nonché all'interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute.  

MISURE SULL'INTERO TERRITORIO NAZIONALE
Con l’articolo 2, per contrastare e contenere il diffondersi del Corona Virus sull'intero territorio nazionale sono applicate numerose misure tra cui: 

  • sono sospesi i congressi, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali, in cui è coinvolto personale sanita1io o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubbl ici essenziali o di pubblica utilità; è altresì differita a data successiva al termine di efficacia del presente decreto ogni altra attività convegnistica o congressuale;
  • sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi u1clusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;
  • sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione;
  • è sospesa l'apertura dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;
  • svolgimento delle attività di ristorazione e bar, con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione;
  • è fortemente raccomandato presso gli esercizi commerciali diversi da quelli precedentemente indicati, all'aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l'adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori;
  • sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;
  • sono sospesi fino al 15 marzo 2020 i servizi educativi per l'infanzia e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta formazione artistica musicale e coreutica, di corsi professionali, anche regionali, master, università per anziani, e corsi svolti dalle scuole guida, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza;
  • sono sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Per ulteriori dettagli si rimanda al Decreto integrale in allegato

Rinviata a data da destinarsi la Consultazione Popolare indetta per i giorni 6 7 e 8 marzo 2020 in ottemperanza al Dpcm del 4 marzo 2020 riguardante l'emergenza Covid-19.

 

 

 

Rinviata a data da destinarsi la Consultazione Popolare indetta per i giorni 6 7 e 8 marzo 2020 in ottemperanza al Dpcm del 4 marzo 2020 riguardante l'emergenza Covid-19.

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookie per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni. Continuando la navigazione, accetti il loro utilizzo.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Per modificare la tua decisione premi il pulsante.

Hai accettato l'utilizzo dei cookie. La decisione può essere modificata premendo il pulsante.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin